In una nuova causa Blizzard è accusata di intimidire i dipendenti

Activision ha anche assunto uno studio legale noto per "schiacciare i sindacati", ora Blizzard è accusata di intimidire e costringere i suoi dipendenti

Una nuova causa è stata intentata contro Activision Blizzard, produttore di giochi come Overwatch, World of Warcraft e Heartstone, e ancora dai suoi stessi dipendenti, che accusano l'azienda di usare intimidazioni e "tattiche coercitive" contro gli sforzi per migliorare le condizioni di lavoro.

Come riportato sul sito Protocollo, la causa è stata intentata da Communications Workers of America (CWA) - per conto dei dipendenti Activision Blizzard come parte del collettivo "A Better ABK", che si è organizzato per migliori condizioni di lavoro. Ciò include discutere apertamente della discrepanza salariale e delle migliori condizioni di lavoro, principalmente per le dipendenti donne, che hanno segnalato diversi casi di molestie. (compreso il sessuale).

La nuova azione presentata al Consiglio National Labor Relations sostiene che Activision Blizzard abbia usato "tattiche coercitive" per danneggiare l'organizzazione dei dipendenti, il che sarebbe una violazione delle leggi federali sul lavoro. Le accuse includono la società che dice ai dipendenti "non possono parlare o comunicare su salari, orari e condizioni di lavoro" e "non possono comunicare o discutere indagini in corso su salari, orari e condizioni di lavoro".

"Se l'NLRB decide a nostro favore, la decisione sarà retroattiva e creeremo un precedente secondo cui nessun lavoratore negli Stati Uniti può essere intimidito per aver parlato di intimidazione e coercizione.", ha scritto un portavoce del gruppo su Twitter.

-- Pubblicità --

“Siamo molto ispirati dal coraggio dei lavoratori ABK e saremo sempre fianco a fianco con i lavoratori che combattono contro molestie, aggressioni e discriminazioni” Il direttore dell'organizzazione nazionale della CWA, Tom Smith, ha dichiarato in un comunicato stampa.

“La direzione avrebbe potuto rispondere con umiltà e disponibilità a prendere le misure necessarie per affrontare le terribili condizioni che alcuni lavoratori ABK hanno dovuto affrontare. Invece, la risposta di Activision Blizzard alle attività eque dei lavoratori è stata sorveglianza, intimidazione e assumere famigerati distruttori di sindacati".

Blizzard accusato di intimidire i dipendenti e molto altro. Aspetto

Da quando il California Department of Fair Employment and Housing ha intentato una causa contro Activision Blizzard, che denunciava diffuse molestie sessuali, discriminazione e una "cultura del lavoro per i "ragazzi della confraternita" (qualcosa che potrebbe essere tradotto come "Bolinha Club"), la società ha preso provvedimenti per cambiare , che ha portato alla partenza di diversi membri senior del team, incluso il capo delle risorse umane di Blizzard. Qualcosa che colpisce anche alcuni dei giochi dell'azienda e coinvolge il cambio dei nomi dei personaggi, come McCree di Overwatch.

Con una mossa che la società descrive come "un luogo di lavoro più inclusivo", Activision Blizzard ha anche annunciato l'assunzione di Julie Hodges - vicepresidente senior, risorse umane aziendali e compensi, benefici e acquisizione di talenti presso The Walt Disney Company - come nuovo capo della polizia.

-- Pubblicità --
Blizzard accusato di bullismo
Blizzard sempre più aggrovigliato

"Non riesco a pensare a una persona migliore che si unisca al nostro team e aiuti a guidare il nostro impegno costante verso un ambiente di lavoro inclusivo"., ha affermato Bobby Kotick, CEO di Activision Blizzard. "Julie è il leader esperto di cui abbiamo bisogno per assicurarci di essere l'azienda di intrattenimento più stimolante, equa ed emulata al mondo."

Hodges, che ha trascorso 32 anni alla Disney, ha aggiunto: "Condivido la convinzione dell'azienda che un ambiente di lavoro dovrebbe abbracciare tutte le prospettive, esperienze e background".

“Una forza lavoro in cui tutti si sentano apprezzati è fondamentale per il successo della nostra attività, così come un ambiente fiducioso, coinvolgente e sicuro che incoraggia la creatività e l'innovazione e in cui tutti i dipendenti possono prosperare. Ci vuole uno sforzo collettivo per farlo e non vedo l'ora di garantire che sosterremo la diversità del nostro talento per riunire le nostre persone e continuare a creare intrattenimento incredibile".

Quindi, resta da vedere cosa verrà da questi nuovi processi e quale sarà il futuro di Blizzard. Lasciate lì nei commenti cosa ne pensate della nuova accusa e cosa pensate accadrà alla società. Cogli anche l'occasione per leggere altre notizie sul nostro sito web.

Fonte: Protocollo

-- Pubblicità --
Avatar di paulo fabris

Paulo Fabris è un giornalista, scrittore, giocatore di giochi di ruolo, giocatore, cosplayer, nerd e fan degli anime sin dai tempi di TV Manchete.