Gli hacker in Battlefield 2042 Beta sono già una realtà

Venduta da agosto, la prossima beta di BF sembra essere stata dominata da goalbot, hallhack e tutti i tipi di imbrogli che sfuggono al "facile anti-cheat" di EA

O beta del prossimo BF ha avuto un inizio difficile con server, problemi di intelligenza artificiale e glitch, ma sembra che gli hacker in Battlefield 2042 Beta stiano peggiorando le cose. Sfortunatamente, non è comune trovare imbroglioni nei giochi multiplayer, ma all'inizio i fornitori di hack offrono vari strumenti per terrorizzare i giocatori di Battlefield.

L'insider Tom Henderson ha rivelato che almeno due importanti fornitori hanno già iniziato a vendere wallhack, goalbot e altri cheat. Secondo Henderson, "Easy anti-cheat" di Battlefield è stato facilmente violato e ora le porte sono aperte.

Hacker nella beta del campo di battaglia
Battlefield 2042

Hacker in Battlefield 2042 Beta

Un utente ha persino risposto al tweet di Henderson che mostrava goalbot e wallhack in azione attraverso alcuni filmati di gioco. Tuttavia, non dovrebbe essere una sorpresa. Come scoperto ad agosto, gli hack di Battlefield 2042 venivano già venduti mesi prima dell'uscita del gioco.

I venditori di hacker hanno deriso apertamente EA, sostenendo che il loro "gioco già era incasinato" fin dall'inizio, poiché il traffico verso i siti di cheat di Battlefield è aumentato del 400%. Nonostante tutti i problemi con la beta, DICE ha riaffermato che il gioco è ancora previsto per l'uscita completa il 19 novembre.

Molti hanno sostenuto che la società dovrebbe considerare di posticipare il gioco ancora una volta affinché Battlefield possa essere rilasciato con successo. Ora, con gli hacker che affliggono la beta, a meno che EA e Dice non abbiano un asso nella manica, sembra che Battlefield 2042 comincerà ad assomigliare a Warzone 2021, poiché gli imbroglioni hanno scatenato il caos su Battle Royale CoD.

-- Pubblicità --

A differenza di Battlefield, però, Activision si prepara a rilasciare un nuovo anti-cheat con CoD: Vanguard che verrà implementato anche in Warzone. Resta da vedere se anche gli hacker riusciranno a violarlo.

Gli hack erano già in vendita prima della partita

Hacker nella beta del campo di battaglia
Gli hack erano già nell'aria prima della partita

Come identificato dal sito web CharlieIntel, un sito web ha iniziato a pubblicizzare cheat "non rilevabili", inclusi goalbot, radar e wallhack e vantandosi che i suoi "1,2 milioni di utenti registrati" non sono mai stati banditi da un campo di battaglia. Un'affermazione audace (e probabilmente falsa), così come l'annuncio che il suo hack di Battlefield 2042 è già stato "confermato" come non rilevabile.

Considerando che Battlefield 2042 è stato finora giocato solo da un pubblico molto limitato durante i test tecnici di questo mese, sembra improbabile che il cheat sia mai stato testato e "convalidato" (a meno che l'hacker non sia uno dei tecnici).

Poiché si tratta di un'uscita importante nel genere FPS, non è improbabile che gli hacker stiano già tenendo d'occhio il gioco e stiano cercando modi per fare soldi da giocatori che non si fidano delle loro abilità. I principali concorrenti come Call of Duty: Warzone sono stati inondati da hacker e bot sin dal suo rilascio. L'ultimo, un devastante bot "mira silenziosa" che garantisce di colpire obiettivi lontani come "se sei nello stesso continente del tuo obiettivo". Activision è intervenuto per cercare di abbattere questo bot di mira "non rilevabile" che potrebbe teoricamente funzionare in qualsiasi gioco e su qualsiasi piattaforma.

Preparati a entrare nei campi di battaglia

Simile ai suoi predecessori, Battlefield 2042 è uno sparatutto in prima persona incentrato sul multiplayer. Poiché il gioco si svolge nel prossimo futuro, presenta armi e dispositivi futuristici come torrette e droni schierabili, nonché veicoli che i giocatori possono guidare. I giocatori ora possono anche far volare un veicolo in qualsiasi posizione sulla mappa.

-- Pubblicità --

Il gioco avrà tre modalità di gioco principali: "All-Out Warfare" che comprende "Breakthrough" e "Conquest", due modalità note della serie. In Conquest, due squadre si combattono per conquistare punti di controllo sulla mappa; una volta catturati tutti i punti di controllo in un settore, la squadra controllerà quel settore. In Breakthrough, una squadra deve cercare di catturare i punti di controllo di un'altra squadra, mentre una squadra deve difenderli. Entrambe le modalità possono essere giocate contro altri giocatori o contro l'IA del gioco.

Le versioni PC, PlayStation 5 e Xbox Series X e Serie Xbox s supporta 128 giocatori, mentre le versioni PlayStation 4 e Xbox One supporta solo 64 giocatori. Il gioco finale è previsto per il 22 novembre.

Avatar di paulo fabris

Paulo Fabris è un giornalista, scrittore, giocatore di giochi di ruolo, giocatore, cosplayer, nerd e fan degli anime sin dai tempi di TV Manchete.