Guerrilla Games Dettagli Creazione di Horizon Forbidden West World

Guerrilla Games descrive in dettaglio il processo di creazione del nuovo mondo in cui si avventurerà Aloy

Guerrilla Games, responsabile della creazione del mondo di Horizon Forbidden West, ha lanciato un nuovo post sul PlayStation Blog, che descrive in dettaglio il processo di creazione dello scenario in cui Aloy, l'eroina cacciatrice di animali-macchine, trascorrerà la sua avventura. La nuova avventura di Aloy ambientata nell'area di San Francisco. Il testo spiega come il produttore ha reso gli scenari e gli NPC più interattivi e complessi, oltre a fornire informazioni su nuove tribù, città e oggetti personalizzabili.

Bo de Vries, Community Lead di Guerrilla, contestualizza il giocatore sui principali miglioramenti nell'atmosfera del gioco. Un altro dettaglio importante è come l'intero processo è stato progettato in modo che l'interazione con la narrazione e l'evoluzione del personaggio siano interconnesse durante tutta la campagna. Controlla il post per intero accedendo al PlayStation Blog e una rapida introduzione qui.

Leggi anche:
Scopri PlayStation VR e i suoi giochi
Come espandere la memoria della tua PlayStation 5
Scopri i migliori giochi Kinect
Xbox Series S o Series X. Scopri quale acquistare
PlayStation 5 o Xbox Series? Quale scegliere?

mondo dell'orizzonte occidentale proibito
Il mondo di Forbidden West

Il mondo di Horizon Forbidden West

Con ore e ore di esplorazione nel Forbidden West, come crei un mondo florido ed esuberante, pieno di attività, senza persone in eccesso e senza sminuire la storia principale? Espen Sogn, Lead Designer per Set Dynamics di Guerrilla, spiega come il suo team ha affrontato questo problema.

“Quando esplori l'Occidente Proibito, tutto sembra appartenere all'ambiente. Il team di Scenario Dynamics di Guerrilla lavora sugli aspetti del gioco che rendono il mondo autentico e vivo: le tribù, i villaggi ei loro abitanti. C'è un'intenzione dietro ogni elemento che inseriamo nel mondo”.

-- Pubblicità --

La chiarezza di queste intenzioni è il risultato della collaborazione con il team di storytelling. "All'inizio di un progetto, pensiamo molto a ogni tribù che incontreremo", spiega Annie Kitin, scrittrice senior di Guerrilla. “Quali sono i conflitti locali, come si inseriscono nella storia e come interagiscono con il mondo che li circonda. Il Tenakth, per esempio. Molte delle credenze di queste persone sono influenzate dalle antiche rovine dell'Occidente Proibito e, a differenza di altre tribù, sono divise in tre diversi clan. Condividono la stessa storia, credenze e conflitti, e tutto questo è importante nello sviluppo dei personaggi che Aloy incontra lungo la strada".

Guerrilla Games dettaglia la creazione del mondo di Horizon Forbidden West | 7011b5bf vietato2 | guerriglia, orizzonte proibito ovest, playstation, playstation 4, playstation 5, singleplayer, sony | mondo dell'orizzonte notizie proibite dell'ovest
Il mondo di Horizon Forbidden West

Creare un mondo con uno scopo

“La nostra sfida principale è trasmettere questa parte della narrazione con elementi visivi che si integrano con il mondo”, afferma Espen. “I Tenakth sono noti per la loro competitività e mentalità guerriera, ma lo sono anche le altre tribù. Quindi come li distinguiamo e lo comunichiamo visivamente?"

“Ci concentriamo su dettagli, animazioni e comportamenti. Nei villaggi di Tenakth, vengono visti allenarsi, prepararsi per il combattimento. Di solito sono più giovani perché, in quanto guerrieri, devono essere in piena forma fisica. La base della tribù è un'antica rovina, da cui hanno adottato certi gesti del Vecchio Mondo che non capiscono bene, come usare un saluto militare per salutare.

“Il nostro obiettivo principale è trasmettere la sensazione di connessione tra gli NPC e il luogo in cui vivono. Lavoriamo a stretto contatto con altri team interni, come Narrativa, Missions e Scenery, per garantire che tutte le location sembrino autentiche".

“Il lavoro del team di dinamiche di scenario è fantastico. È incredibile vedere tutto andare a posto”, dice Annie. “Ogni tribù inizia come un gruppo di idee, che finiscono per diventare villaggi meravigliosi. Come gli Utaru, che erano immaginati come una società agricola e profondamente attaccati alla terra che li circondava. Dopo che la tribù è stata inserita nel gioco e il team di dinamica degli scenari ha fatto i suoi trucchi di magia, camminiamo attraverso i campi di Utaru, interagiamo con loro e pensiamo "wow, è perfetto". La tribù sembra davvero reale".

-- Pubblicità --

Parla con noi nei commenti e facci sapere se ti è piaciuta questa notizia e cogli l'occasione per leggere di più Notizie sul nostro sito web.

Avatar di paulo fabris

Paulo Fabris è un giornalista, scrittore, giocatore di giochi di ruolo, giocatore, cosplayer, nerd e fan degli anime sin dai tempi di TV Manchete.