CoD Warzone: terribile bug che resuscita i morti

La sesta stagione di CoD Warzone è appena partita ed è già iniziata con il piede giusto, in quanto non fa altro che presentare bug e problemi ad ogni ora che passa. Un nuovo problema collega la metropolitana di Verdansk con il Gulag e consente ai giocatori morti di "resuscitare".

Zona di guerra del merluzzo
Zona di guerra del merluzzo

La sesta stagione di Warzone e Modern Warfare, per ora, è una delle più rotte fino ad oggi, poiché i bug e gli errori che rompono completamente il gioco non si fermano. Questa volta, sembra che la metropolitana di Verdansk possa riportare i giocatori di Gulag tra le partite e consentire loro di giocare per un certo periodo di tempo sulla mappa normale, come se non fossero mai morti.

Com'è il bug della nuova stagione di CoD Warzone?

Tant'è che anche il giocatore che ritorna dal Gulag alla metropolitana porta le tipiche pietre che vengono lanciate contro i giocatori che combattono in quella zona della seconda possibilità del Battle Royale dell'Infinity Wing. Li scambia persino per un C4 a terra e le pietre sono a disposizione di altri giocatori che non hanno mai messo piede nel Gulag durante la partita. Come se fosse un altro oggetto che si può trovare in scatole e cadaveri. Guarda il video del bug del rianimatore!

Non sappiamo se si tratti di un bug isolato o se stia davvero interessando un gran numero di giocatori abbastanza da costringere Infinity Ward a riavviare gravemente la metropolitana di Verdansk. Come puoi vedere nel video, il giocatore torna dal Gulag alla metropolitana, ma viene rientrato velocemente, poiché è il suo turno di combattere. 

Dai un'occhiata ad altri articoli di Warzone:

Allora cosa ne pensi di questo bug di CoD Warzone? Metti Mi piace e commenta le tue aspettative per il gioco! Condividi con i tuoi amici!

Avatar di tabata horta

Studente di ingegneria informatica, 27 anni, fondatore di Married Games e appassionato del mondo dei giochi, in particolare dei giochi horror.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Questo sito utilizza i cookie, come spiegato nella nostra Privacy Policy. Continuando la navigazione accetti le condizioni.
Questo sito utilizza i cookie, come spiegato nella nostra Privacy Policy. Continuando la navigazione accetti le condizioni.